Architettura multi-residenziale a Montréal. Design materico ispirato dal Geode

Il team ADHOC architetti realizza in collaborazione con i giovani promotori di Knightsbridge, il progetto "La Géode" che si trova sulla via de la Roche, nei pressi di Le Plateau Mont-Royal, un quartiere vibrante con una vitalità urbana eccezionale

Alla luce della sua situazione, il progetto mira a dare un nuovo respiro alla sua trama con un edificio residenziale contemporaneo di cinque unità abitative. Dovrebbe riflettere tutta l’energia di questo settore strategico in cui i giovani professionisti si mescolano con le famiglie e le coppie. Quindi, il progetto deve essere una densificazione morbida che si inserisce nell’attuale paesaggio urbano senza distorcervi. Una delle preoccupazioni è mantenere le famiglie in città creando un ambiente di vita di qualità basato su una strategia verde

Per affrontare queste sfide, gli architetti ADHOC hanno ideato una nuova tipologia nella trama costruendo sia la strada che il vicolo. Così facendo si crea uno spazio centrale che immediatamente rivela un nuovo potenziale. Lo spazio libero dato da questo nuovo cortile interno crea un luogo vivente e organico che rafforza il legame tra spazi privati e pubblici, riflettendo un modo innovativo di pensare

Uno spin narrativo ha nutrito l’ispirazione del progetto sostenendo il concetto architettonico che ha valorizzato un cuore centrale aperto e un’organizzazione periferica. Questo concetto è ispirato dal geode; una massa minerale scavata che è coperta da cristalli. Il geode, sotto un’aspetto esteriore austere e protettivo, nasconde un vero tesoro cristallino. Rivela una forma naturale di staging che stimola l’ispirazione intorno alla nozione di contrasto. Questo concetto viene sfruttato attraverso il progetto a diversi livelli. L’esterno dell’edificio è molto sobrio, caratterizzato da una modesta materialità. Le intestazioni dello strato di mattoni e la muratura a cielo aperto davanti alle finestre e alle logge riflettono la rugosità minerale e l’aspetto protettivo del geode. Il cortile interno riflette la sua materialità cristallina e bruciante

Come innovazione architettonica, il progetto sostiene la creazione di un nuovo luogo, rafforzando la sua integrazione all’interno del contesto. Preferendo la densificazione, il progetto funge da punto di collegamento e la nuova tipologia creata supporta l’urbanità del quartiere. L’ambizione di creare un cortile interno, utilizzando lo spazio del vicolo preesistente, induce un’inversione completa della tipologia tradizionale di Montreal caratterizzata da abitazioni scure di eccessiva lunghezza. Grazie all’apertura centrale, gli spazi abitativi sono bagnati con luce naturale. Questa nuova organizzazione spaziale elimina la nozione del passaggio, generando fluidità e spazi abitativi ottimizzati. Il soppalco sulla facciata permette alla luce di penetrare nel cortile, armonizzando l’altezza dell’edificio con il vicino

Inoltre, la redditività del progetto dipende dalla nostra capacità di investire nel seminterrato. Accanto all’obbligo di allineare il piano terra con gli edifici vicini, questo vincolo ci ha spinto a ripensare il basamento da un punto di vista qualitativo. Lo spazio scavato sotto la finestra diventa uno spazio singolare che trasmette luce naturale alle stanze del basamento. Crea anche un’area di rilassamento esterno con vegetazione. Inoltre, i pavimenti in vetro sono stati installati tra il piano terra e il basamento per garantire la massima distribuzione della luce. Il cortile divenne poi un’oasi urbana per gli abitanti. Infine, il rivestimento esterno di questo piacevole spazio di vita consiste in brillanti piastrelle metalliche triangolari. I loro colori bianchi e scintillanti disposti verso i piani inferiori si fondono con il cielo e propongono un cambiamento

Una strategia verde e un alto rendimento energetico supportano le ambizioni del progetto per l’innovazione. Il cortile interno offre abbondanti aperture, garantendo la massima illuminazione naturale e una ventilazione trasversale delle abitazioni. L’utilizzo di materiali e attrezzature a basso consumo energetico è una parte essenziale della strategia adottata. Inoltre, le prestazioni acustiche dell’edificio superano le buone pratiche. L’abbondante presenza di vegetazione fa parte anche della strategia verde attuata. Questa costruzione evoca una coesistenza minerale / vegetale che si può trovare nella natura. Il cortile interno, gli spazi sotto le coppe, il tetto e tutti gli interstiti diventano superfici adatte per arbusti, specie arrampicate e piantagioni di alberi

 

GALLERY

Residenza
Architettura
PROGETTISTA

DATI PROGETTO

Località: Montrèal, Canada
Tipologia: Residenza
Klimahouse 2019 - 300x400

NEWS

Arkitecture ADV 01 - 300x250