Casa Unifamiliare in Messico. Modulo organico in Pietra su uno scenario “Lunare”

Casa Meztitla è un progetto dello Studio Edaa, creata per accogliere la famiglia, allontanare il mondo e immergersi tra i fiori di bouganville, in una valle nella periferia di Tepoztlán

Creata per accogliere la famiglia e fuggire dal mondo esterno, Casa Meztitla è stata progettata dallo studio Edaa per una coppia che voleva un rifugio alla periferia di Tepoztlán

Il sito è stato selezionato, non solo per il suo costo, sè non per il suo straordinario paesaggio naturale e la sua vicinanza al monte El Tepozteco, un parco nazionale. Il progetto si trova in un’area chiamata Meztitla che in lingua Nahuatl significa “luogo vicino alla luna”, nella periferia di Tepoztlán, una città a 90 km a sud di Città del Messico

La disposizione della casa è suddivisa in varie aree, un’area sociale con soggiorno e sala da pranzo, una cucina aperta e un “portico” che guardano il patio di erba, l’unica natura indotta artificialmente nel progetto, studiata per diventare il centro della casa. L’area di servizio ospita una griglia, bagni, lavanderia e deposito. L’area delle camere è accessibili attraverso i patii esterni, di cui le principali, sui lati opposti, hanno un patio privato ciascuna. Lo studio, in un secondo piano, è accessibile attraverso il tetto della terrazza della casa, ed è aperto su entrambi i lati a un paio di patii all’aperto

l tema centrale della casa riguarda la relazione senza fine tra interno ed esterno, non c’è modo di passare da un’area all’altra senza camminare attraverso gli spazi esterni, ogni area è aperta all’esterno in modo che si possa uscire di casa attraversando qualsiasi porta. La casa così funziona come una serie di stanze collegate attraverso diversi tipi di aree esterne. Tutto questo è stato reso possibile dal clima mite subtropicale, usato come scusa per non costruire una casa che si chiude su sé stessa, ma che si apre continuamente all’ambiente naturale

La selezione dei materiali è semplice e logica, sia per ragioni economiche che contestuali, trovandosi in una foresta pluviale subtropicale, dovevano essere materiali di facile manutenzione, in cui il loro invecchiare fosse naturale e si fondesse con il contesto. Per questo la scelta di calcestruzzo e roccia vulcanica per le strutture, tutto reso più leggero grazie al bianco totale, sia in esterno che in interno. L’interno viene completato da legno di pino e porte in acciaio con vetro temprato, enfatizzato dall’utilizzo di mobili tradizionali messicani, come amache e sedie a dondolo

Nonostante la sua modernità, la casa sembra adagiarsi naturalmente nel paesaggio verde, grazie all’utilizzo di materiale ben mescolati e alla sua forma geometricamente organica

GALLERY

Residenza
Architettura