ARREDO | L’alternativa contemporanea ad uno chandelier, rivisitato con un approccio giovane e dinamico, tratto distintivo dei designer NAVA+NAVA che ribaltano il concetto classico per realizzare una lampada a sospensione ricca di contrapposizioni armoniche tra moderno e classico

Un filo che collega il passato al futuro, come dice il nome stesso: Adria, che dà origine alla denominazione del Mare Adriatico, un bacino di scambio culturale e di merci, protagonista dell’evoluzione dell’uomo.

Gli elementi più caratterizzanti dello chandelier – la mazza centrale e i bicchierini – sono stati mantenuti, per essere rielaborati in un gioco di equilibri con grande effetto scenico. Adria diventa una lampada a sospensione “destrutturata”, che combina in un mix di sicuro effetto diffusori in cristallo trasparenti con sostegni sottili, minimal, non invadenti.

“In questo modo – spiegano Paolo Emanuele Nava e Luca Maria Arosio del NAVA+NAVA Design Studio - il concetto di chandelier classico viene ribaltato e sintetizzato: la mazza diventa contrappeso dei bicchierini, sostenuti non più dai bracci sottostanti, ma da tensioni superiori ispirate ad architetture moderne in un gioco di contrapposizioni armoniche tra moderno e classico.”

Gocce luminose sospese a mezz’aria, un intreccio di “fili” delicato e grintoso allo stesso tempo, elementi scomposti che si concretizzano in una combinazione sapientemente ordinata di innovazione e atmosfere classiche. La luce che si proietta dal cristallo, infatti, non perde quell’allure romantica e preziosa che caratterizza questo materiale, lavorato con maestria indiscussa da Italamp.

Adria vuole continuare la grande tradizione aziendale nel mondo dello chandelier, portandola allo stesso tempo su nuove strade, dove la tradizione incontra l’innovazione, sia grazie all’ausilio del design, ma anche attraverso la tecnologia.

Un prodotto trasversale, in grado di rispondere alle esigenze più diverse di architetti, progettisti ed utenti finali, offrendo suggestioni di design e dettagli speciali che ben si collocano in spazi anche diversi tra loro, dal residenziale al contract.

Articoli

Progettista

NAVA + NAVA
Paolo Emanuele Nava (1989) e Luca Maria Arosio (1988) sono NAVA+NAVA Design Studio.

SEMINARI ON-LINE