PROGETTO | Lo Studio Spagnolo Onda Arquitetura, guidato da Javier Haddad, vince il concorso per la nuova passerella pedonale di Las Palmas, riqualificando un vecchio Istmo, ormai scomparso nella costruzione della città

Vincendo il concosrso per la nuova passerella pedonale di Las Palmas, Lo Studio Spagnolo Onda Arquitetura, guidato da Javier Haddad, vuole riqualificare la zona portuale, riportandola alla sua antica funzione di Istmo connettivo tra città e mare.

Un concorso per riqualificare il fronte marittimo
La città di Las Palmas, come molte altre città, sta subendo una trasformazione in cui il suo fronte marittimo viene riconvertito da un porto obsoleto a servizi al terziario. L'arrivo delle navi da crociera crea un nuovo afflusso di turisti senza precedenti e la città deve adattarsi ad essa . Per questo è stato proposto un concorso di idee per la progettazione di una passerella aerea pedonale che collega il molo Sanapú, dove è stato costruito il nuovo Acquario "Poema de Mar", e la città, verso il Parco di Santa Catalina.

Il vecchio Istmo per una nuova connessione
Onda Architettura, studio guidato da Javier Haddad vince il concorso, con una passerella che vuole ripirstinare la funzione del vecchio istmo, ovvero la connessione fisica e visiva tra la spiaggia e la città, in cui, non molto tempo fa, entrambe le parti si mescolavano con l’arrivo delle maree. Infatti, con lo sviluppo della città, del porto e della nuova autostrada, entrambe le parti si erano allontanate in modo irreversibile.

Alluminio avvolgente
Una soluzione unificata è proposta per accogliere tutti i pedoni, i ciclisti e gli handicappati, su un singolo percorso. Un nuovo punto di riferimento per la città che si integra perfettamente nel paesaggio urbano. Due piani avvolgenti in alluminio creano una forma a "V", che a seconda della luce del giorno, riflettono l’intorno svanendo nel panorama della città.

Curve per un nuovo spazio pubblico
Per coprire un percorso curvilineo lungoe 80 metri è stata utilizzata una struttura triangolare super efficiente: una trave spaziale continua, alta 3 metri per 3 di larghezza, generata da due capriate simmetriche disposte a "V" controventate orizzontalmente, accorgimento reso necessario per raggiungere l'altezza richiesta dal limite sopraelevato dell'autostrada, rispettando la pendenza massima dell'handicap. Le curve risultanti generano un nuovo spazio pubblico sul lato sinistro, mentre, sul lato della spiaggia, avvolgono un parco esistente dimenticato dalla città per decenni e ora riqualificato.

Geometrie e luce naturale
Questi piani angolati contribuiscono anche a dissipare il rumore proveniente dal traffico autostradale mentre si aprono in alto per massimizzare l'uso della luce diurna, consentendo visuali durante l'intera camminata. La geometria del ponte consente l'uso della luce naturale durante il giorno, mentre i pannelli fotovoltaici situati a livello della superficie consentono di generare energia per fornire elettricità durante la notte.

Un progetto urbano in cui le parole chiave sono sostenibilità e riqualificazione: grazie a questo intervento la città si vestirà di un nuovo fascino moderno, ponendo però l’attenzione su temi “sociali” e non solamente estetici.

Articoli

Progettista

Onda Arquitectura
Onda Arquitectura è una “Piattaforma” collaborativa di architetti, ingegneri, designer e artisti, guidati da Javier Haddad, che nasce dalla volontà di creare progetti sartoriali, attraverso team strategici, per soddisfare le esigenze di ogni progetto