Museo della Comunicazione in Svizzera. Spazio come opportunità per connessioni sociali

Il Museo della comunicazione di Berna ha subito una completa trasformazione. Nella nuova mostra permanente progettata da Kossmann.dejong, i visitatori si addentrano nell'affascinante e complesso mondo della comunicazione

Con mostre in tutto il mondo, dall’Islanda alla Cina e clienti tra cui la Royal Shakespeare Company e l’aeroporto Schiphol di Amsterdam, la società di design olandese Kossmann.dejong si è costruita una reputazione internazionale invidiabile nel settore del design

Attraverso esposizioni interattive, oggetti sorprendenti, proiezioni su larga scala e personale del museo nel ruolo di “comunicatori”, i visitatori sono invitati a esplorare il tema della comunicazione e ad applicarlo nella vita reale, diventando così consapevoli della propria comunicazione e dell’attuale rivoluzione della comunicazione

La sfida principale ha riguardato la traduzione nello spazio di un tema astratto, la “comunicazione”, in una mostra coerente

Nove domande chiave come “Perché comunico?”, “Quali competenze devo comunicare?” E “Come vivo in un mondo in rapida evoluzione della comunicazione?” Sono state formulate da un team di esperti del museo, e costituiscono il punto di partenza del concept

Kossmann.de ha raggruppato queste domande in diversi temi distribuiti su tre piani dell’edificio. Forse gli elementi interattivi più importanti nel nuovo museo sono i “comunicatori”: personale del museo appositamente formato che assume il ruolo di esperti, guide e attori, ma sono soprattutto persone normali che si impegnano con i visitatori e incoraggiano la comunicazione tra loro. I comunicatori fanno domande, raccontano barzellette o intraprendono sfide con i visitatori. La scenografia espositiva è progettata per facilitare queste interazioni

La ricerca di risposte personali alle domande chiave inizia al piano terra nell’area di registrazione, dove il messaggio “It’s all about you” definisce chiaramente la scena. I visitatori entrano in un red carpet in cui storie personali di cittadini svizzeri raccontano una rappresentazione cronologica della comunicazione in tutte le fasi della vita

Contemporaneamente il tappeto rosso collega visivamente un muro di collage con artefatti unici su un lato dello spazio con un laboratorio di comunicazione sull’altro lato. Mentre il collage-wall offre un’esperienza visiva informativa, il laboratorio attiva e connette i visitatori

Spostando un piano in basso, i visitatori incontrano il mondo dei ricordi. Emergere da una scultura centrale di un cervello è un groviglio di terminazioni nervose collegate a scatole di memoria con film, elementi a mano libera e artefatti di raccolta. Progettato come un data center astratto, l’area a tema adiacente si concentra sui complessi sviluppi dei big data, della privacy e del rovescio della medaglia dei nostri dispositivi. I visitatori sperimentano l’impatto delle reti condivise ed esaminano questioni etiche sul valore e sull’apparente disponibilità infinita di archiviazione dei dati

Il piano più basso porta i visitatori in un viaggio cronologico, dalle carrozze postali ai droni. Film integrati e attività pratiche informano i visitatori dei cambiamenti in corso negli strumenti di comunicazione. Dopo uno sguardo visionario sul futuro, l’emozionante viaggio di scoperta nel “sé” comunicativo si conclude nel settore della cancellazione. Ogni visitatore appende la sua foto del profilo sull’enorme muro di foto, creando un’opera d’arte in continua evoluzione

 

GALLERY

Svizzera
Cultura e Servizi
Architettura
PROGETTISTA

DATI PROGETTO

Località: Berna, Svizzera
Tipologia: Cultura e Servizi
Arkitecture ADV Progettista - 300x400

NEWS

Arkitecture ADV Progettista - 300x250