Hotel e decorazione a Mauritius. L’importanza della cultura del colore negli interni

Salt of Palmar è stato concepito per sviluppare la sostenibilità e entrare in contatto con la comunità locale. Il suo creatore, Paul Jones, colpito dall'affinità tra l’arte di Camille e l'importanza del colore nella cultura mauriziana, la scelse per arredare i suoi interni

Salt of Palmar è il primo di una nuova famiglia di hotel di Lusso situati a Mauritius, in Turchia e Cina. Concepito per sviluppare la sostenibilità, entrare in contatto con la comunità locale e introdurre viaggiatori culturalmente curiosi nella vera e grezza Mauritius, il primo hotel Salt occupa un edificio drammatico e geometrico simile a un riad creato nel 2005 dall’architetto mauriziano Maurice Giraud

Successivamente Camille è stata invitata a occuparsi degli interni di Salt dove la sua squadra ha creato interni mettendo il colore come relazione tra interni e luogo, per entrambi, il colore è un veicolo di gioia e un mezzo per esprimere positività. Dato che l’intero concetto di Salt è radicato nell’espressione autentica della destinazione e aiuta gli ospiti a creare una connessione significativa con l’ambiente circostante, l’aspetto più importante del brief di Camille è stato quello di trarre ispirazione dal paese stesso

Camille e la sua collaboratrice di vecchia data, Julia Jomaa, hanno deciso pertanto come primo passo di questo progetto, di esplorare l’isola per trovare le idee per la tavolozza dei colori, guardando sia al paesaggio naturale che all’ambiente creato dall’uomo. Il risultato bilancia tonalità naturali e le vibranti note pop di Walala, e presenta un motivo ricorrente di strisce bianche e nere

Ne risultano colori vivaci e audaci che si trovano in tutta l’isola, infatti le persone dipingono le loro case con i toni più sorprendenti che si distinguono per la lussureggiante cornice tropicale, dal verde smeraldo delle piante ai colori cangianti del cielo

Camille Walala, per questo progetto, ha lavorato a stretto contatto con l’architetto mauriziano John-François Adams per realizzare la sua visione d’interni per le 59 camere e le aree pubbliche dell’hotel, traducendo le idee sulle tavole d’atmosfera di Camille in realtà vivaci e spettacolari. Camille e Julia hanno anche attinto dall’esperienza locale di Adams per reclutare gli artigiani più talentuosi della zona per progettare pezzi su misura per il progetto

Il culmine di questa collaborazione tra artista, architetto e artigiani è un hotel che sembra diverso da qualsiasi altro sull’isola. Laddove la maggior parte dei resort prende il proprio modello di design e lo trapianta nel proprio ambiente, Salt ha fatto il contrario, canalizzando i colori e la comunità circostante per modellarne l’aspetto. Il compito di Camille era quello di trovare il perfetto equilibrio tra il proprio impulso creativo e l’espressione autentica del carattere dell’isola: una visione fresca, giocosa e irresistibilmente positiva

GALLERY

Ricettivo
Interior