Lampade d’arredo. Tra passato, futuro e materiali naturali, passando dalla tradizione

Lo Studio Spagnolo Masquespacio disegna due collezioni di lampade, per due brand distinti, dove la caratteristica principale è poter rivedere il concetto stesso di “illuminazione”, studiandone i dettagli, i giochi di ombre e luce, e sfidandosi ad utilizzare materiali inusuali

Attraverso la ricerca, il dettaglio, lo studio delle ombre, lo studio spagnolo masquespacio progetta due collezioni di lampade per due brand distinti, la sfidà è quella di reinterpretare un oggetto comune, attraverso l’utilizzo di nuovi materiali e l’attenzione al dettagli

Masquespacio crea “Wink, la collezioni di lampade progettate dalla consulenza creativa con Houtique. La collaborazione tra Masquespacio e Houtique è iniziata quando i fondatori di entrambe le società si sono riuniti con l’obiettivo di studiare nuovi progetti su cui lavorare insieme. Il risultato di questo incontro è una nuova collezione di lampade

Principale designer e direttore creativo di Masquespacio, Ana Hernández ha progettato questo prodotto credendo che l’osservazione sia uno dei fattori chiave per creare e sviluppare progetti innovativi. La sua ossessione di vedere, studiare e conoscere ogni dettaglio si ritrova nei suoi processi creativi e di conseguenza è stata l’ispirazione principale della lampada “Wink”. “Wink” è composto da diversi elementi che ci ricordano il passato e il futuro che strizzano l’occhio all’uso di botti e oro

Dopo la riprogettazione strategica del marchio Raco, Masquespacio ha progettato per loro anche una nuova collezione di lampade. In questo modo la lampada è stato il primo “design dell’autore” ufficiale lanciato sotto le nuove caratteristiche dell’azienda illuminotecnica. Chiamato Shade, il design di Masquespacio, cerca la sua ispirazione attraverso le ombre delle nostre vite proiettate dalla luce mediterranea.

Shade nasce dalla creazione di un forte contrasto tra materiali che non sono comuni nel settore dell’illuminazione, unendo rafia, pelle, marmo e ottone, mentre mostra allo stesso tempo caratteristiche del postmodernismo, sottolineando il fatto che tutti i materiali sono naturali e vivono insieme attraverso la produzione artigianale delle collezioni

FONDO

GALLERY

Industrial Design